Il Museo dell’Opera del Duomo


Museo dell’Opera del Duomo
Museo dell'Opera del Duomo (foto © Mario Ciampi)

Nel cuore di Firenze, un viaggio “illuminato” tra la maggiore collezione al mondo di sculture del Medioevo e del Rinascimento fiorentino

di Massimo Iarussi / foto Mario Ciampi

 

Il museo è stato di recente riaperto dopo un importante progetto di ampliamento che ne ha raddoppiato la superficie espositiva, rinnovandolo completamente nell’allestimento. Il nuovo percorso museale è costituito da una successione di colpi di scena, che trovano nella luce il proprio naturale complemento. Già al varco d’ingresso s’incontra un segno luminoso proiettato sul pavimento: il simbolo, ricavato dalla lancetta dell’orologio di Paolo Uccello sulla controfacciata del Duomo, è stato assunto come logo del museo e sarà ripetuto nei punti di snodo lungo tutto il percorso per segnalare la giusta direzione.

La Galleria dei Maestri è il primo contatto fra il visitatore e l’universo che lo attende. Una parete di marmo reca incise centinaia di nomi di artisti, architetti e musicisti che, nei secoli, si sono avvicendati per creare le stupende opere d’arte ospitate. Il forte contrasto fra il marmo bianco e lo scuro ambiente circostante genera aspettative e curiosità nel visitatore, mentre la direzione fortemente radente della luce restituisce al meglio la profondità dei nomi incisi nel marmo.
L’ingresso nella grande Sala del Paradiso è una vera esplosione di luce. La sala, ricavata dal grande volume del vecchio teatro degli Intrepidi, recuperato dal progetto di ampliamento, costituisce il fulcro del percorso espositivo: essa ospita il modello in grandezza naturale dell’antica facciata Arnolfiana del Duomo, creando la suggestione di un ambiente esterno che proprio nella luce trova uno dei suoi principali compimenti. L’illuminazione è basata sulla combinazione fra la luce diffusa, che evoca la volta celeste, e la luce direzionale fornita da potenti proiettori, che danno rilievo alle sculture e restituiscono la suggestione della luce incidente del sole.

 

Leggi di più su LUCE digitale

Precedente Le Cavallerizze ritrovano il loro splendore
Prossimo SCULTURE LUMINOSE E SONORE DI PHILIPPE PARRENO