Conclusa la prima edizione di Innovation for Change: i vincitori


John Elkann (Fondazione Agnelli), Fabiola Gianotti (CERN), Marco Gilli (Politecnico di Torino) e Francesco Profumo (SAFM) premiano le migliori idee di impresa elaborate da 50 giovani.  Per i tre gruppi vincitori l’incontro con  i mentor della Silicon Valley e 300 studenti dalle migliori università di tutto il mondo.

Sono molte le idee che 50 giovani, studenti MBA della Scuola di Alta Formazione al Management di Torino (SAFM) e dottorandi del Politecnico di Torino, hanno elaborato nell’ambito del progetto Innovation for Change: un percorso multidisciplinare che li ha impegnati per 5 mesi, suddivisi in 8 gruppi, e che ha potuto avvalersi della collaborazione con il CERN di Ginevra e con alcune istituzioni e aziende italiane e internazionali, tra cui il ministero italiano dello Sviluppo Economico, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, Barilla, ENEL e Smat.

I prototipi e le soluzioni tecniche adottate dai giovani sono stati presentati e valutati ieri presso il Castello del Valentino di Torino,  la migliore idea si aggiudica 50.000 euro offerti dalla Fondazione Agnelli per favorire la creazione di una vera Start up, iniziando così ad operare sul mercato.  Altri 2 gruppi sono stati selezionati dalla giuria.  I tre 3 gruppi di lavoro premiati avranno l’occasione di partecipare gratuitamente all’European Innovation Academy (EIA), il programma internazionale di accelerazione per start up tecnologiche ospitato dal Politecnico di Torino dal 10 al 29 luglio, che vede tra i partner aziende quali Google, Allianz, FCA, Intesa Sanpaolo e Ferrero e porterà in città i mentor della Silicon Valley e 300 studenti dalle migliori università di tutto il mondo.

Applicazione di  tecnologie già oggi disponibili per usare meglio le risorse naturali e rispondere ai bisogni del pianeta. Non semplici esercizi teorici a scopo didattico, ma soluzioni innovative credibili che rispondono a bisogni collettivi globali e da cui potranno nascere start up operanti sul mercato.

Precedente A Coblenza, Germania, l’illuminazione pubblica è protagonista
Prossimo Floating Piers: a piedi nudi sul lago