Curare il costante aggiornamento della propria competenza professionale


Illuminazione a LED a isola nella Smart City e il ruolo dell'accumulo nella Smart Grid

L’incontro con Paolo Di Lecce


“Al fine di garantire la qualità ed efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dell’utente e della collettività, e per conseguire l’obiettivo dello sviluppo professionale, ogni professionista ha l’obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale secondo quanto previsto dal presente articolo….”.
Stiamo parlando del Regolamento attuativo della legge di riforma degli ordinamenti professionali (L. 14 settembre 2011, n. 148) che definisce all’art.7, le finalità, gli obblighi e le sanzioni della formazione continua.

Per le aziende si è aperta dunque l’opportunità, come ci ricorda Paolo Di Lecce, AD di Reverberi Enetec, di creare una rete di contatti qualificati a interagire con la ricerca e lo sviluppo nelle nuove tecnologie, e in questa direzione, ci spiega: “Ci siamo mossi da tempo attivando seminari e incontri attraverso la promozione degli Ordini degli Ingegneri o dei Periti Industriali. Iniziative che nel corso del 2016 hanno coinvolto le città di Bergamo, Reggio Emilia, Latina, Napoli, Catania, Torino, Matera, Potenza, Bolzano, Cosenza e nel mese di settembre Perugia, con circa un migliaio di presenze”.

Di Lecce aggiunge una premessa o considerazione personale importante per comprendere il percorso che la stessa legge ha poi dato avvio: “Pur con qualche resistenza e perplessità iniziale, gli Ordini professionali hanno saputo cogliere le opportunità di partnership con aziende disponibili a completare l’offerta tecnica e culturale rivolta agli iscritti attraverso seminari, conferenza e altri eventi per la cui partecipazione sono corrisposti crediti formativi. L’adesione nei nostri seminari è sempre gratuita e porta alla corrispettiva erogazione di crediti nella misura (da 2 a 4 ) stabilita dagli Ordini promotori. Formazione e informazione del capitale umano divengono quindi parte integrante dei percorsi di ricerca e sviluppo del Made in Italy che portiamo avanti con grande attenzione nei settori dell’illuminazione adattiva e della componentistica delle fonti rinnovabili, e argomenti come Smart City e Smart Grid, la loro realizzazione nei settori dell’illuminazione e del fotovoltaico, sono i campi concreti delle applicazioni che Reverberi Enetec propone nel titolo dei seminari “Illuminazione a LED a isola nella Smart City e il ruolo dell’accumulo nella Smart Grid”. Incontri che intendiamo proseguire nel nostro tour di formazione per l’Italia proprio per l’attenzione e la partecipazione che con soddisfazione abbiamo riscontrato”.

Precedente Una nuova luce per Palazzo Auberge de Castille a Malta
Prossimo L’Italia è un Paese in “classe A” per l’efficienza energetica