SALONE DEL MOBILE.MILANO AWARD


Salone del Mobile.Milano Award
courtesy Salone del Mobile.Milano

Proclamati ieri, 8 giugno, presso il Triennale Teatro dell’Arte di Milano, i vincitori della II edizione del premio Salone del Mobile.Milano award, dedicato a quanto di meglio il mondo dell’arredo e del design ha presentato in occasione della scorsa edizione della prestigiosa manifestazione milanese. Il premio riconosce il valore delle idee, della creatività, dell’innovazione e della tecnologia, che insieme contribuiscono a fare della manifestazione la più acclamata vetrina internazionale che racconta le tendenze progettuali avanzate e i nuovi modi dell’abitare. Il premio è attribuito a designer affermati ed esordienti, agli allestimenti e ai prodotti.
“Con questo premio – ha dichiarato il presidente Claudio Luti – il Salone del Mobile vuole dare continuità alle emozioni che la manifestazione ha saputo trasmettere riconoscendo il grande impegno creativo, produttivo e organizzativo delle aziende e di tutti quei designer e personaggi che contribuiscono ad attrarre a Milano tutta l’innovazione possibile di prodotto e di processo produttivo”.
Undici le categorie premiate: miglior prodotto Workplace3.0, miglior prodotto Euroluce, miglior prodotto xLux, miglior prodotto Classico, miglior allestimento, miglior prodotto arredamento, miglior designer esordiente, miglior designer, premio alla carriera, premio speciale della giuria, premio speciale Banca Intesa Sanpaolo.

Il premio è stato attribuito da una giuria di prestigio composta di personalità di rilievo del settore – la stessa della scorsa edizione, per mantenere una continuità di valutazione – che, anche per questa edizione, si è mossa in modo anonimo fra gli espositori della manifestazione per selezionare le candidature.

Tra i vincitori segnaliamo:

  • Miglior prodotto Euroluce: Filo / Andrea Anastasio / Foscarini
    Per la capacità di rileggere la tradizione con un linguaggio contemporaneo e internazionale, in grado di dare un nuovo senso strutturale all’idea di decoro e personalizzare il prodotto seriale.
  • Miglior allestimento: Flos / Calvi Brambilla
    Per un allestimento che va oltre la canonica nozione di stand fieristico per la capacità di condurre il visitatore fra i corpi illuminanti come in una narrazione. Dal fuori al dentro dove luci, colori, materiali, pieni e vuoti si orchestrano magistralmente.
  • Miglior designer esordiente: Elena Salmistraro
    Per la capacità di introdurre il proprio immaginario espressivo nel dialogo con la grande produzione seriale, arricchendola di nuovi spunti di riflessione.
  • Migliore designer: Philippe Starck
    Per la coerenza con la quale negli anni è riuscito a creare oggetti che parlano un linguaggio internazionale. Un maestro del contemporaneo che continua a sorprenderci.
  • Premio alla carriera: Ernesto Gismondi
    Per il senso di contemporaneità, per l’innato talento nel saper elaborare continue soluzioni formali che uniscono allo stesso tempo uno stato di leggerezza con la capacità di evocare un futuro prossimo.
  • Premio speciale della giuria: Marva Griffin
    Per la generosità e alla lungimiranza di chi ha creduto in un progetto per e con i giovani: un tributo doveroso a una donna alla quale tutti sono grati e riconoscenti.
Precedente GIOCARE CON LA LUCE
Prossimo EMERSIONE DALL’OSCURITÀ